Video artistici e musicali su YOUTUBE

Fuga scolastica n. 6

   Con una simpatica grafica geometrica colorata e animata ‘stile anni ‘60’ (che utilizza cerchi e ovali su sfondo nero), ripropongo in questo mio video la ‘Fuga scolastica n. 6’ che composi nel 1984, l’anno in cui conseguii il Diploma di Maestro in ‘Organo e Composizione organistica’ presso il Conservatorio di Musica ‘A. Boito’ di Parma (fra l’altro è possibile visionare ed ascoltare un’altra mia ‘Fuga scolastica’ - la n. 5’ - che ho già pubblicato in https://youtu.be/m9QNclQucUw). 

   La ‘Fuga’, nella Storia della Musica occidentale, è senz’altro la forma compositiva più elaborata e complessa che sia mai stata sviluppata - e che venne portata, dal sommo J.S.Bach (1685-1750), ai suoi massimi e ineguagliati livelli. 

   Il presente brano fa parte di una raccolta di fughe da me composte quand’ero ancora studente in Conservatorio - da qui l’appellativo ‘scolastica’ - allo scopo di esercitami in questa nobilissima quanto difficile Arte: una delle cinque prove conclusive per il conseguimento del Diploma consisteva per l’appunto nello svolgimento di una fuga a tre voci - su tema fornito dalla Commissione d’Esame - da sviluppare, a porte chiuse, nel tempo massimo di 12 ore. 

   La 'Fuga scolastica’ (rispetto ad una fuga… ‘generica’) prevede una struttura compositiva alquanto rigorosa e determinata - limitando ancor di più la libertà del musicista - e si basa spesso su un ‘tema d’autore’: nulla toglie però che il compositore possa ideare e utilizzare un tema di propria invenzione (‘lusso’ che anch’io ogni tanto mi concedevo, come avvenne in questo preciso caso). 

   Per quanto riguarda le caratteristiche del presente video ho visivamente ripartito in tre ‘righe’ le rispettive ‘voci’ della fuga (in alto la voce acuta, al centro quella mediana e in basso la voce grave). Poiché questa Fuga è scritta in un tempo di 4/4 ‘tagliato’ (vale a dire eseguibile in due movimenti) in una schermata video appaiono due intere battute musicali, aggiornando in genere la grafica ogni 2/4 (ad eccezione di quando la tessitura contrappuntistica presenta delle sincopi oppure quando il ‘Controsoggetto’ della Fuga esegue delle caratteristiche note ribattute: in questo caso il ‘cambio grafico’ avviene ad ogni semiminima). Per ottenere questo risultato ho realizzato appositamente 214 disegni dove ciascuna nota corrisponde ad un cerchio - o ad un ovale più o meno esteso a seconda della sua durata - e avente un preciso colore (scelto entro una gamma cromatica da me predefinita, prevedendo inoltre tinte più chiare nei suoni acuti - e viceversa - oltre ad utilizzare il nero per rappresentare i silenzi, ovvero le pause), con il corrispondente sviluppo ‘temporale’ del brano che procede, come di consueto, da sinistra verso destra.

    Nel filmato ho eseguito la mia Fuga al sintetizzatore utilizzando tre differenti timbriche che richiamano le tipiche sonorità anni ’60 di un piano elettrico, di una chitarra elettrica e di un basso.

    Quest’incisione (che consiglio vivamente di ascoltare in cuffia per godere appieno dell’effetto stereo) è contenuta nel mio CD ‘Frammenti’, una Raccolta antologica che contiene 35 brani strumentali per pianoforte, organo o vari gruppi timbrici da me composti e registrati dal 1972 al 2003. Per info o eventuali richieste del CD potete scrivermi a: robertorampini57@gmail.com. 

 https://youtu.be/gx3cxZ-lYHc


Roberto Rampini: 12 Opere pittoriche - Raccolta antologica (1979-1991)

    Con il sottofondo della mia ‘Fantasia su tema n.5’ (per piano solo), tratta dal CD ‘Studi’ (2010/2011), in questo recentissimo video propongo una Raccolta antologica di 12 mie ‘Opere pittoriche’ realizzate dal 1979 al 1991; se qualcuno volesse esaminare anche un'affine Galleria riguardante le mie ‘Opere grafiche’ (prodotte dal 1989 al 2014) può visualizzare l’altro mio video caricato in https://youtu.be/cHhMZg1Gj5c).

https://youtu.be/1hSfag6Yn94


Fuga scolastica n.5

   Con una coloratissima grafica ‘stile anni ‘60’ ripropongo in questo mio video un brano (‘Fuga scolastica n. 5’) che terminai di comporre il 7 Giugno 1984, un mese prima di conseguire il Diploma di Maestro in ‘Organo e Composizione organistica’ presso il Conservatorio di Musica ‘A. Boito’ di Parma. 

   La ‘Fuga’, nella Storia della Musica occidentale, è senz’altro la forma compositiva più elaborata e complessa che sia mai stata sviluppata - e che venne portata, dal sommo J.S.Bach (1685-1750), ai suoi massimi e ineguagliati livelli.

   Il presente brano fa parte di una raccolta di fughe da me composte quand’ero ancora studente in Conservatorio - da qui l’appellativo ‘scolastica’ - allo scopo di esercitami in questa nobilissima quanto difficile Arte: una delle cinque prove conclusive per il conseguimento del Diploma consisteva per l’appunto nello svolgimento di una fuga a tre voci - su tema fornito dalla Commissione d’Esame - da sviluppare, a porte chiuse, nel tempo massimo di 12 ore.

   La fuga ‘scolastica’ (rispetto ad una fuga… ‘generica’) prevede una struttura compositiva alquanto rigorosa e determinata - limitando ancor di più la libertà del musicista - e si basa spesso su un ‘tema d’autore’, in questo caso di André Gedalge (1856-1926), famoso teorico e trattatista: nulla toglie però che il compositore possa ideare e utilizzare un tema di propria invenzione (‘lusso’ che anch’io ogni tanto mi concedevo!).

   Per quanto riguarda le caratteristiche del presente video ho visivamente ripartito in tre ‘colonne’ le rispettive ‘voci’ della fuga (a sinistra la voce grave, al centro quella mediana e a destra la voce acuta). Verticalmente lo spazio risulta invece idealmente suddiviso in 12 ‘spazi’ che corrispondono alle ‘crome’ del brano: poiché questa Fuga è scritta nel tempo di 3/2 una schermata video propone dunque un’intera battuta musicale (che si aggiorna ad ogni ‘movimento’). Per ottenere questo risultato ho realizzato appositamente 204 disegni dove ciascuna nota corrisponde ad un preciso colore (scelto entro una gamma cromatica da me predefinita, prevedendo inoltre tinte più chiare nei suoni acuti - e viceversa - oltre ad utilizzare il bianco per rappresentare i silenzi, ovvero le pause), con il corrispondente sviluppo ‘temporale’ del brano che procede dall’alto verso il basso. Sovrapposta a questi schemi colorati appare inoltre la partitura completa con le tre voci separate (che si aggiorna ogni due battute).     

   Nel filmato ho eseguito la mia Fuga al sintetizzatore utilizzando tre differenti timbriche che richiamano le tipiche sonorità di strumenti a fiato ‘ad ancia’ (fagotto, clarinetto, sax): a questo proposito consiglio vivamente di ascoltare il brano in cuffia per godere appieno dell’effetto stereo prodotto dalla separazione ‘spaziale’ delle tre voci!  Quest’incisione è contenuta nel mio CD ‘Frammenti’, una Raccolta antologica che contiene 35 brani strumentali per pianoforte, organo o vari gruppi timbrici da me composti e registrati dal 1972 al 2003. Per info o eventuali richieste del CD potete scrivermi a: robertorampini57@gmail.com.

https://www.youtube.com/watch?v=m9QNclQucUw&t=7s


Preghiera a Maria

   In questo mio video ripropongo un breve e originale inno mariano (‘Preghiera a Maria’) che composi nel 1992, su testo di Vittorino Ziggiotti. Nel filmato ho inserito immagini della Madonna venerate in tre differenti santuari mariani parmigiani: la prima (la ‘Beata Vergine dell’Aiuto’) nella chiesa di san Quintino a Parma, ove ricevetti il Battesimo - e che fu mia parrocchia per ben 35 anni (nella quale iniziai a svolgere, fra l’altro, i miei primi servizi liturgici organistici). La seconda immagine mariana è collocata nella chiesa Magistrale di Santa Maria della Steccata (ove il 26 Ottobre 1985 tenni il mio primo concerto d’organo solista a Parma); la terza immagine (‘Nostra Signora del Santo Rosario’), presente nella chiesa di Fontanellato in provincia di Parma, è da sempre tradizionale meta di devozione e pellegrinaggio per tanti parmigiani (e non solo).

 https://youtu.be/MDpnPOP2d5U


...e la Croce di Gesù

   ‘…e la Croce di Gesù’ è un canto spirtuale che composi nel 1986 e che successivamente arrangiai in versione strumentale (quella che ho utilizzato in questo video, per pianoforte solo) allo scopo d’inserirlo nel CD ‘Spiritual Music’ da me poi realizzato nel 1995.

La commovente statua di Gesù crocefisso che appare nel filmato è esposta nella chiesa di san Rocco, a Parma, mentre le suggestive stazioni della Via Crucis che ho personalmente fotografato si trovano nel Santuario benedettino di Mariastein (SO), Svizzera (nei dintorni di Basilea).

Quest’incantevole chiesa - da me visitata tante volte - la conosco molto bene poiché il 19 Agosto 1990 vi tenni, fra l’altro, un indimenticabile concerto d’organo solista per la rassegna musicale ‘Mariasteiner Konzerte’: un evento così importante da meritare un intero capitolo del mio libro ‘Piazzale san Lorenzo, Villa Alpina… e altri racconti autobiografici’ ed uno specifico filmato su YouTube (https://youtu.be/6A5CufWa0fw ).

Nel relativo video propongo tante belle immagini del Santuario e, soprattutto, del grande organo ‘Metzler’ a tre tastiere che suonai in quell’occasione, la cui visione è accompagnata in sottofondo da una selezione di brani da me interpretati e registrati durante il concerto e da una dettagliata descrizione dello strumento stesso (la cui magnifica mostra di canne appare fra l’altro nell’immagine di apertura della mia personale pagina facebook.com/roberto.rampini.57).

https://youtu.be/4H7nO0ek6s8


Cantico d'amore

   ‘Cantico d’amore’ è un’originale canzone da me composta nel 1997 e inserita per ultima nel mio CD ‘Spiritual Music’. Il testo, tratto dall’Antico Testamento, è una libera interpretazione del ‘Cantico dei Cantici’, mentre la musica l’ho composta ispirandomi a certe atmosfere timbriche tipicamente indiane: in particolare, nell’introduzione/finale (che serve anche da stacco strumentale fra il ritornello e le strofe), si sentono suoni di tabla e sitar in un contesto armonico che non ricalca una condotta armonica di tipo occidentale, ma propone - in una manciata di secondi! - una sorta di ‘raga indiano’ (ovvero un… ‘colore’, uno ‘stato d’animo’ espresso in musica).

   Nel video ho voluto sottolineare queste mie particolari scelte musicali proponendo - e non a caso! -varie immagini del celebre ‘Taj Mahal’ situato ad Agra, nell’India settentrionale, compreso nella lista dei patrimoni dell’umanità dell'UNESCO (e inserito fra le nuove sette meraviglie del mondo moderno): il mausoleo (iniziato nel 1632 e terminato 22 anni dopo) fu voluto dall'imperatore moghul Shāh Jahān in memoria dell'amatissima moglie Mumtāz Mahal (che morì dando alla luce il suo quattordicesimo figlio) e può essere considerato, a ragione, come uno dei più incantevoli monumenti di tutti i tempi dedicati all’Amore umano. In coincidenza del ritornello ho anche inserito, a commento visivo della canzone, riproduzioni di originali e tipici dipinti indiani eseguiti su foglia.

 https://youtu.be/-oI-hdHUv5M


Acqua di sorgente

Questo brano, inciso al sintetizzatore con l’aggiunta di diversi rumori ‘ambientali’, l’ho composto nel 2003 come colonna sonora di un mio originale e rilassante videogioco (‘MiniJong’) del quale potrete leggerne le specifiche caratteristiche che ho riportato nella pagina riservata ai tanti, simpatici videogiochi da me realizzati in più di vent’anni di programmazione!. In questo recentissimo video il brano in questione accompagna una serie di foto che ho scattato anni fa nell’Appennino parmense (presso l’incantevole ‘Lago Santo’ e i cosiddetti ‘Lagoni’).

https://youtu.be/CG9Xb0yentw


Blue in Green

 

   In questo video propongo un mio recente arrangiamento e trascrizione per organo (a due manuali e pedaliera) di 'Blue in Green' del compositore e trombettista Miles Davis (1926-1991), da molti considerato come uno dei più innovativi ed originali jazzisti del XX secolo.

https://youtu.be/tUdyuqqm8yA


Salmo 149

‘Salmo 149’ è uno dei quindici brani - per coro e assemblea - del CD ‘Spiritual Music’ del 1995; la Raccolta è una selezione di miei canti spirituali - qui da me eseguiti in forma strumentale al sintetizzatore - tratti dai tre fascicoli ‘Salmi’, ‘Inni’ e ‘Cantici spirituali’ (completati nel 1991). In questo recentissimo video ripropongo la versione originale del brano che incisi 25 anni fa...; della stessa Raccolta fa anche parte il brano ‘Gesù, Nome grande nei Cieli’ (vedi filmato in https://youtu.be/01jPyBoVZe0).

  https://youtu.be/nJwwbnXWdhk


sMac

In questo video presento ‘sMac’, un originale gioco da tavolo da me ideato verso la fine degli anni '70 (del quale ho poi realizzato, nel 2003, un’interessante e omonima versione elettronica funzionante su PC Windows che può essere gratuitamente scaricata dalla relativa pagina sMac).

‘sMac’ appartiene, come tipologia di gioco, alla famiglia dei 'domino' ed è allo stesso tempo (al pari degli scacchi) un gioco di pura strategia, nel quale il ‘fattore fortuna’ non conta affatto. Si gioca in due (nella versione per PC l'uomo sfida il computer): vince colui che effettua l'ultima mossa rendendo impossibile all'avversario la continuazione del gioco. Nel video utilizzo come commento musicale quattro miei ‘Canoni’ per organo (scritti nel 1980) facenti parte del CD ‘Frammenti’, una raccolta di 35 brani composti dal 1972 al 2001.                 

https://youtu.be/tR8XPzMxJ4U


Marameo!

'Marameo!' (‘il tipico gioco per bambini - e adulti - molto, ma molto dispettosi!’), da me creato nel 1998, è un originale gioco di percorso (da 2 a 4 giocatori) composto dal tabellone, un dado e 4 segnalini dello stesso colore per ciascuno: vince colui che fa 'uscire' per primo tutti i propri segnalini (un segnalino esce dal tabellone quando si ferma esattamente sulla casella centrale del proprio colore).                       

Ad una prima, superficiale occhiata ‘Marameo!’ potrebbe sembrare una trascurabile replica dell’antichissimo ‘Ludo’ (al quale il gioco chiaramente s’ispira nella sua concezione di base)… ma non è affatto così: l’originale percorso formato dalla sovrapposizione di quattro 'spirali' permette anche al giocatore più svantaggiato sorprendenti recuperi, all'interno di un secondo e terzo percorso comune in cui tutto può succedere (ciò che nel ‘classico Ludo’… non avviene affatto!). 

In questo video presento e commento le semplici regole del gioco nella sua originale ‘versione da tavolo’ (vedi pagina Marameo!), accennando anche all’omonima versione elettronica da me realizzata nel 2012 che può essere ora gratuitamente scaricata dalla pagina Marameo!

  https://youtu.be/UZnSQkm6PWE


Gesù, Nome grande nei Cieli

‘Gesù, Nome grande nei Cieli’ è uno dei quindici brani del CD ‘Spiritual Music’ del 1995; la Raccolta è una selezione di miei canti spirituali - qui da me eseguiti in forma strumentale al sintetizzatore - tratti dai tre fascicoli ‘Salmi’, ‘Inni’ e ‘Cantici spirituali’ (che completai nel 1991), vedi pagina 'Spiritual Music'

  https://youtu.be/01jPyBoVZe0


Rubiamoci un giorno di sole

   Un paio d’anni fa Alda Magnani, una mia parente scrittrice e poetessa (fra l’altro vincitrice di numerosi premi letterari) mi propose una breve ma simpatica poesia - 'Rubiamoci un giorno di sole' - che, a suo parere, sarebbe stata molto adatta ad esser messa in musica. Raccolsi l’invito e composi di getto la canzone che ora ripropongo in questo mio recentissimo video (arricchito da vari effetti grafici e musicali), con l’augurio che nell’imminente 2020 – a dispetto degli inevitabili problemi e difficoltà della vita -  noi tutti riusciamo comunque a ‘rubarci’ tante giornate di sole…

https://youtu.be/OkxOVXy1JKI


Un dipinto… ‘animato’?

Il video è una sorta di… ‘camminata artistica’ in un bosco, ed è stato realizzato mediante l’animazione di 373 ‘disegni’ da me realizzati al computer; in sottofondo ho inserito i rumori  della natura ed un mio personale arrangiamento (per organo) del 'Preludio' tratto dalla ‘Suite n.1 per violoncello solo - BWV 1007’ di Johann Sebastian Bach. Dedico il presente filmato alla 
mia cara Mamma con la quale percorrevo spesso, durante le nostre vacanze estive a Fai della Paganella, questo rilassante sentiero immerso nella pineta... e al mio caro Papà, che amava interpretare magistralmente sulla tela i magnifici boschi da lui visitati.

https://youtu.be/sbUjlmC51ok


PrecipiTOMBOLISSIMAvolmente

https://youtu.be/EQTgvEUAHaY


Visita virtuale del Parco Ducale di Parma… ‘com’era una volta’

In occasione delle celebrazioni di ‘Parma, capitale italiana della Cultura 2020’, ripropongo con questo video ‘Visita virtuale del Parco Ducale di Parma… ‘com’era una volta’, un originalissimo software per PC Windows (frutto di sei mesi di lavoro!) da me realizzato vent’anni  fa, nel 2000, poco prima che si svolgessero i contestati lavori di… restauro (i quali, con 
grosso disappunto dei nostalgici del vecchio ‘Giardino Pubblico’, ne cambiarono - e di molto – sia la fisionomia che la fruibilità). Il Programma non è soltanto una ricca e preziosa raccolta di immagini (ben 308!) del Giardino ‘com’era una volta’, ma un incredibile strumento che permette di rivisitare il vecchio Parco Ducale, spostandosi virtualmente in esso o 
girando lo sguardo… con un semplice ‘click’ del mouse! Chi desiderasse una copia del software su CD-Rom può richiedermela scrivendo a: robertorampini57@gmail.com

https://youtu.be/_3ILYvwYkPY


'Parma 2000 eVenti'

Questo è un video dimostrativo di una divertente 'variante parmigiana' ed elettronica del classico 'Yahtzee', da me ideata e realizzata per festeggiare Parma (la mia città natale) dichiarata ‘Capitale italiana della Cultura 2020’ (il software - per PC Windows - è gratuitamentescaricabile dall'HomePage del mio Sito WWW.robertorampini.it). Al posto dei numeri presenti sui dadi tradizionali abbiamo lo Stemma di Parma, la Musica, la Violetta, il Parmigiano, il Prosciutto e l'Angiolèn dal Dom! In questa versione elettronica il giocatore umano deve sfidare il computer utilizzando cinque dadi 'virtuali': scopo del gioco è quello di ottenere, nelle 15 'manches' che compongono ciascuna partita, un numero di punti maggiore di quello dell'avversario (grazie alle varie combinazioni ottenute con il lancio dei 5 dadi). La partita è iniziata sempre dal giocatore umano.

Ad ogni turno ciascuno dei due sfidanti può lanciare i dadi fino a 3 volte: inizialmente tutti e cinque, dopodiché decide se effettuare un secondo rilancio (e di quali dadi, 'bloccando' eventualmente quelli non intende rilanciare cliccandoci sopra: il dado relativo apparirà 'contornato'). Dopo il secondo rilancio può decidere di effettuare o meno un terzo ed ultimo 
rilancio (potendo liberamente modificare - in tutto o in parte - anche la selezione di quei dadi che intende ancora 'bloccare’). Ciascun turno si conclude con la scelta - e 'registrazione' - di una delle combinazioni realizzate cliccando sopra la relativa casella nella tabella segnapunti (per il  giocatore umano nella colonna segnata dall'iniziale del suo nome): le combinazioni 
'registrabili' - che danno diritto ad 1 o più punti (fino ad un massimo di 10) - compaiono con lo sfondo di colore rosso.

Nel caso il giocatore non abbia combinazioni valide da registrare dovrà cliccare su di una casella bianca vuota a scelta (ottenendo in questo caso zero punti). Le caselle colorate in verde con la cifra in bianco rappresentano combinazioni già ottenute in precedenza, e queste non potranno essere in alcun modo replicate. Se la somma dei punti nelle prime sei combinazioni (dallo Stemma all'Angiolèn) è di 18 o più punti il giocatore ha diritto ad un 'Bonus' di 10 punti. Il numero di 
partite vinte vengono registrate nella tabella 'Report partite giocate', oltre al 'record' ottenuto da ciascun giocatore nella sua migliore partita (con la data nella quale il record è stato ottenuto) e la media dei suoi punteggi

https://youtu.be/OLMACRgBLOQ


L'Attesa

Questo video utilizza una galleria di foto da me realizzate dal 2010 al 2012, con le quali ho partecipato alle prime tre edizioni de ‘La Città della Memoria’ organizzato da ‘Ade Spa’ e da Parmafotografica’ (sezione del Circolo Aquila Longhi): un Concorso fotografico avente come soggetto architetture, monumenti, dipinti, sculture ed epigrafi del Cimitero monumentale 
della ‘Villetta' di Parma. Le musiche del video usate in sottofondo sono due mie composizioni originali: ‘Fantasia su tema n.3’, per pianoforte, ‘Fantasia su tema n.4’, per organo (nella quale elaboro il famoso canto liturgico ‘Io credo, risorgerò’). Questi due brani sono contenuti, assieme a tanti altri, nel mio CD ‘Studi (2010/11)’.

La foto ‘Nicolò’ inserita nel video è 
stata selezionata dalla Giuria tra le prime venti (su 246 immagini presentate da 64 partecipanti) inserita nella Mostra inaugurata in occasione delle premiazioni. Anche se il Regolamento vietava qualsiasi ripresa di espliciti nominativi, è bastato il generico nome del defunto e la sagoma di un violino per far capire a chiunque il soggetto della mia proposta fotografica: Nicolò Paganini, il più grande virtuoso del violino che sia mai esistito, le cui spoglie mortali riposano proprio all'interno del Cimitero Monumentale della Villetta, a Parma.

https://youtu.be/rvznVm1nwIE


J.S.Bach: Preludio e Fuga BWV 847 - Alla spinetta: Roberto Rampini

Il brano di questo video è il ‘Preludio e fuga in do minore BWV 847’ di J.S.Bach tratto dal ‘Primo Libro del Clavicembalo ben temperato’, eseguito alla spinetta da Roberto Rampini nel Giugno 1998. Le immagini sono state prodotte da ‘Kal-Hey-Do’, un recentissimo software per PC Windows ideato, progettato e realizzato da Roberto Rampini: il Programma è una sorta di ‘caleidoscopio elettronico’ che genera immagini simmetriche casuali in continua trasformazione. ‘Kal-Hey-Do’ offre moltissime opzioni ed è perciò ampiamente programmabile. Per info: robertorampini57@gmail.com

https://youtu.be/GdXjPFwEXfo


Roberto Rampini: 'Geburt-Tanz' (piano solo, 2011)

Nel 2011 composi la ‘Geburt-Tanz’ (‘Danza della nascita’) per piano solo, in occasione del bicentenario della nascita del grande compositore, pianista e direttore d’orchestra Franz Liszt (1811-1886): il brano è una serie di sei brevi e curiose variazioni sulla sequenza gregoriana del ‘Dies Irae’, lo stesso tema usato dal virtuoso ungherese nella sua più celebre ‘TotenTanz’ (‘Danza della morte’).

In questo video ripropongo questa mia composizione in ironica antitesi a certe tematiche cupe e ‘d’effetto’ che andavano molto di moda nel periodo romantico (ma anche oggi… ad essere sinceri!). La variazione di apertura (‘Weiss und Schwarz’, cioè ‘Bianchi e Neri’), come suggerisce lo stesso titolo, contrappone i tasti bianchi del pianoforte - che eseguono la melodia del ‘Dies Irae’ - con i tasti neri che cercano invece di… ‘disturbarla’; la seconda variazione, ‘Spiegel’ (che significa ‘Specchio’), ripropone il tema ‘in sedicesimi’ alla mano destra, mentre la sinistra contemporaneamente esegue la stessa identica figurazione ‘ribaltata’. La terza, ‘Kanon’, sviluppa il tema in forma imitativa, a mo’ di ‘canone’ (non rigoroso), mentre la quarta variazione (‘Parodie’) rielabora in modo bizzarro e parodistico - ad uso e consumo del tema - una ‘hit’ di successo degli anni ’70… che molti miei coetanei senz’altro ricorderanno! La quinta variazione, ‘GrossStadt’ (cioè ‘Grossa Città’) brevissimo stacco con accordi dissonanti, conduce infine all’ultima intitolata ‘Funf’ (‘Cinque’), poiché è stata composta nell’insolito tempo di 5/4 (evidente reminiscenza di certi brani jazzistici degli anni ’60…).

https://youtu.be/Y9F54uV8s90


Roberto Rampini: 'Invenzione n.2'

Il brano proposto nel video è la ‘Invenzione n.2’ (per pianoforte o clavicembalo) da me composta nell’Ottobre del ’77: un brevissimo (solo una ventina di secondi!), sintetico e stravagante ‘divertissement’ in Fa# maggiore che nasconde un famoso motivetto (non proprio difficilissimo da riconoscere!). Le immagini del filmato sono invece ricavate dal mio software ‘RampoWorld’ (creato nel 2011), un ‘generatore matematico di mondi virtuali in continua trasformazione’ che s’ispira nella sua concezione di base al rivoluzionario programma 'Life' ideato dal matematico inglese John Horton Conway nel 1970, evolvendosi però in una dimensione estremamente più versatile, ricca e colorata del suo lontano ‘progenitore’ (per info: robertorampini57@gmail.com).

https://youtu.be/X4jWCy2BtBs


Roberto Rampini: 24 Opere grafiche - Raccolta antologica (1989 - 2014)

La passione per il disegno ed i colori mi hanno piacevolmente accompagnato fin dalla più tenera età (e non poteva essere altrimenti, visto le tradizioni famigliari legate all’attività della ‘Premiata Tintoria Rampini’ operante a Parma per 134 anni e che ha coinvolto ben quattro generazioni di artigiani - ultimo mio padre!), come ampiamente racconto nel libro ‘Piazzale san Lorenzo, Villa Alpina… e altri racconti autobiografici’. In questo breve video propongo una selezione di 24 opere grafiche (da me realizzate dal 1989 al 2014) col sottofondo di due mie composizioni: un frammento tratto da ‘Texture I’ (del 1991) nella versione ‘per computer’ e ‘Studio sulle dieci dita’ (del 2011) per pianoforte. Buon ascolto/visione!

https://www.youtube.com/watch?v=cHhMZg1Gj5c&t=102s


Roberto Rampini: Preludio per organo (su tema dodecafonico 'bachiano')

Per festeggiare i 333 anni dalla nascita del più grande compositore di tutti i tempi propongo in questo breve video il mio brano ‘Preludio per organo’ (su tema dodecafonico ‘bachiano’), interpretandolo visivamente con un’originale animazione basata su una ‘rilettura grafica’ del celebre ritratto di J.S.Bach (dipinto nel 1746 da E.G.Haussmann) che mi ha richiesto la realizzazione di più di 250 disegni! Il mio brano, della durata di soli 33” e composto da 14 battute, è costruito su una speciale serie dodecafonica esposta con valori lunghi al pedale sulla quale il ben noto tema ‘B-A-C-H’ (Sib-La-Do-Si) si ripete per ben 14 volte con opportune trasposizioni (ed eventuali inversioni). La scelta del numero 14 è del tutto intenzionale, dal momento che questo era fra l’altro uno dei numeri preferiti dal Compositore tedesco (e da lui stesso usato nella struttura di alcune sue composizioni): non a caso i numeri abbinati in modo progressivo alle lettere dell’alfabeto che compongono il cognome B/A/C/H (2+1+3+8) danno per l’appunto come somma il numero 14.

https://www.youtube.com/watch?v=WqmtzC0O9Eg


Roberto Rampini: '12 Variazioni su serie dodecafonica' per organo a tre tastiere

In questo coloratissimo video propongo - in stile ‘astratto-geometrico’ - ‘12 Variazioni su serie dodecafonica’, un mio sintetico ed enigmatico brano del 2010 per organo a tre tastiere (della durata di soli 34 secondi!). Come suggerito dal titolo stesso, il pezzo elabora in dodici differenti modi una serie dodecafonica molto particolare da me congegnata: è di tipo ‘autoreferenziale’, vale a dire idealmente suddivisa in due ‘sottogruppi esatonali’, ove il secondo gruppo imita il primo in modo inverso. Da notare la ‘citazione bachiana’ sib-la-do-si che si ascolta nella variazione 7 (prevista nella creazione stessa della serie dodecafonica). Pur essendo un brano di stampo chiaramente ‘concettuale’ non resta però un’esercitazione contrappuntistica fine a sé stessa ma riesce comunque a comunicare un suo misterioso… ‘pathos’!

https://www.youtube.com/watch?v=Dx7ejdsyndU


'Natura morta con cachi e cubo di Rubik'

Un’insolita, moderna e autobiografica ‘natura morta’ a 360°, col sottofondo di una mia originale composizione per pianoforte solo (‘Fantasia su Tema’ n.5), esposta in un ‘micrometraggio’ della durata di un paio di minuti.

https://www.youtube.com/watch?v=ESMAJ9_RJNg


Rampini: 'Natura morta orientale con Mah Jong'

Un’insolita, moderna e autobiografica ‘natura morta’ a 360°, col sottofondo di una mia originale composizione per pianoforte solo ('Alle pendici del Fuji'), esposta in un ‘micrometraggio’ della durata di poco più di un minuto.

https://www.youtube.com/watch?v=EwUo68RRRic 

 

'Passacaglia'



Un'originale interpretazione 'visiva' in 22 tavole (nella versione video) dell'omonimo brano per organo di Bach (da me eseguito in Concerto il 26 Marzo 1988 a Parma, nella chiesa di San Vitale). 

http://www.youtube.com/watch?v=H_MJL9f1Hmo


Roberto Rampini: 7 Variazioni sopra 'Dio s'è fatto come noi'

7 Variazioni sopra ‘Dio s'è fatto come noi' (per organo a 2 manuali e pedaliera) composte ed eseguite dal M° Roberto Rampini con le sonorità dell'organo Silbermann-Metzler del Duomo svizzero di Arlesheim. Il brano è contenuto, assieme a diversi altri, nel CD 'Studi (2010/11)'. Le immagini del video si riferiscono ad un presepe 'casalingo' da me realizzato nel Natale del 2017.

https://www.youtube.com/watch?v=XGv9MQ5jm7w&t=16s


Roberto Rampini presenta 'L'Arte dei Giochi'

‘L’ Arte dei Giochi’ è una Raccolta su CD-Rom di ben 33 originalissimi videogiochi per PC Windows da me realizzati nell’arco di un decennio (dal 1999 al 2009): ne parlo nel mio libro ‘Piazzale san Lorenzo, Villa Alpina… e altri racconti autobiografici’. In questo interessante video li presento tutti in modo sintetico e progressivo, col gradevole sottofondo di brani da me composti appositamente (come colonna sonora degli stessi).

https://www.youtube.com/watch?v=2zvpsPNQZtc&t=48s


'Alleluia, vinta è la morte!'

'Alleluia, vinta è la morte!' è un'acclamazione al Vangelo da me composta nel 1985 (armonizzata poi per organo e coro a 4 voci dispari nel 1991); nel video è stata eseguita in concerto il 5 Febbraio 2015 a Parma, nella chiesa di S. Croce dalla Corale 'S. Ilario di Poitiers' (diretta dalla M° Riccarda Folloni). All'organo il M° Andrea Barbarossa.

https://youtu.be/iYLeJshgAxc